Henné: la miglior colorazione per i ricci

0
2025
hennè per capelli ricci

La migliore soluzione per colorare i ricci

Abbiamo già parlato di quanto l’Henné sia la colorazione perfetta per i capelli ricci. Ma, sono sempre di più le persone che cercano un’alternativa alle tinte chimiche a causa della loro aggressività sul cuoio capelluto e sui capelli e abbiamo deciso di approfondire l’argomento.

Oggi con henné si intende un mix di erbe tintorie. Le principali sono Katam, Lawsonia, Indigo e Cassia, le quali vengono mescolate in diverse percentuali per ottenere colorazione ed effetto desiderati.

Trattandosi di una colorazione naturale, l’hennè è meno performante rispetto a una tradizionale tintura ad ossidazione ed è quindi necessaria una certa competenza per ottenere un buon risultato. Ciò nonostante, rimane la migliore soluzione per colorare i capelli ricci e adesso andiamo a vedere perché partendo da un po’ di contesto storico per capire a fondo questa sensazionale pianta colorante.

Una colorazione naturale dalle origini antiche

L’Henné è una pianta spinosa appartenente alla famiglia delle Lythraceae il cui nome scientifico è Lawsonia Inermis, dal medico inglese John Lawson che la descrisse in un libro del 1709. La pianta ha origini nordafricane e viene oggi coltivata principalmente in India, Tunisia, Egitto, Sudan, Arabia, Iran e Cina. La polvere giallo-verdastra utilizzata come colorante naturale si ricava macinando i suoi rami e le sue foglie essiccati.

L’utilizzo di questa pianta come colorazione naturale per capelli sembra essere antichissimo. Pare che si possa datare fino agli antichi Egizi, infatti, in uno studio sulla mummia del Re Egiziano Ramsete II, gli archeologi trovarono tracce di Lawsonia nei suoi capelli. Questo arbusto utilizzato sia per fini cosmetici che religiosi trovò la sua diffusione mondiale grazie all’Islam. Già dalla fine dell’Ottocento la pianta si diffonde anche in Europa.

henné capelli ricci

Le colorazioni dell’Henné

In realtà la colorazione dell’henné è soltanto una: il rosso ramato. Perché allora sentiamo parlare di henné in diverse colorazioni? Perchè la Lawsonia Inermis viene mischiata con altre piante tintorie come la Cassia, il Katam e l’Indigo.

  • L’Henné vero e proprio. Prima fra tutte le colorazioni, anche per merito storico, è la colorazione rossa molto decisa e dai riflessi ramati della Lawsonia Inermis, il vero e proprio hennè.
  • L’Indigo o Indigofera Tinctoria è una pianta originaria dell’India dalla colorazione tendente al blu, è consigliata per che ha capelli scuri e conferire riflessi freddi e decisi con tonalità nere, bluastre e mirtillo.
  • La Cassia, anche nota come henné biondo, deriva dalla Senna Italica e dona ai capelli una tonalità di colore giallo. Come la Lawsonia conferisce brillantezza e lucentezza ai capelli, ma non ne modifica radicalmente il colore. Proprio per questo è consigliata soprattutto a capelli tendenti al biondo.
  • Il Katam viene ricavato dall’arbusto Buxus Dioica ed è anche noto come henné nero. Regala riflessi che sfumano sul viola ed è perfetto anche mixato con Lawsonia e Cassia ed è consigliato a chi ha i capelli già naturalmente scuri.
colorazioni henné per capelli ricci

I benefici dell’Henné

Questa tinta naturale molto meno invasiva rispetto alle tinte classiche è di sicuro la soluzione preferita da I Love Riccio per soddisfare al meglio le esigenze delle proprie clienti. Questo perché i suoi benefici sono davvero tantissimi e ancor più validi per i capelli ricci.

Innanzitutto, l’henné dona forza e lucentezza al capello. Ha un effetto seboregolatore rappresentando un valido alleato contro la forfora o problemi da cute grassa riequilibrando l’azione del cuoio capelluto. Ma il vero motivo che rende l’henné la colorazione perfetta per i capelli ricci è il suo potere idratante. Quando usiamo questa tintura naturale sulle nostre clienti il risultato è un riccio elasticizzato, nutrito, idratato e rinforzato. Oltretutto possiamo divertirci a cambiare tonalità senza alterare il colore naturale del proprio capello e senza vedere poi la ricrescita.

La durata dell’henné

L’effetto di una tintura naturale a base di Henné è di circa due mesi, tuttavia la differenza dalle altre tinture è sostanziale: l’henné agisce diversamente da capello a capello adattandosi molto alla colorazione originale e la lucentezza e la forza della colorazione si riducono progressivamente con i lavaggi. Questo comporta che la ricrescita non è immediatamente visibile e non si notano vistose e antiestetiche differenze dovute alla crescita del capello che renderebbero necessari dei ritocchi.

henné per colorare i ricci

Il massimo dei risultati con una colorazione naturale

Possiamo dire con assoluta certezza dire che l’Henné per i capelli ricci vuol dire valorizzare il proprio colore e avere ricci sani e definiti. Come abbiamo accennato sopra, trattandosi di una colorazione naturale e meno performante, riuscire a ottenere il massimo dalla sua applicazione non è molto semplice e per questo consigliamo sempre di rivolgersi a degli esperti per una soddisfazione garantita.

Per noi di Tagli Capelli Ricci è senza dubbio la colorazione di punta, la più sensata per il tuo capello, con la quale si può valorizzare ogni tipologia di riccio, coprire una buona percentuale di capelli bianchi, ma soprattutto farvi entrare in nuovo modo di concepire la colorazione. Non dovrete più ogni mese correre dal parrucchiere perché si vede la ricrescita, non dovrete più tagliarli perché rovinati dalla tinta, anzi comincerete a notare una crescita più veloce in quanto punte e lunghezze non si spezzeranno più.