Tagli capelli mossi

0
1772

Tagli capelli mossi tipologia 2a, 2b e 2c

Oggi vogliamo parlare dei tagli dedicati ai capelli mossi, la tipologia 2, che comprende, come abbiamo detto nei nostri articoli precedenti, le sottocategorie di capelli 2a 2b e 2C.

Come si può notare dalla foto, si tratta dei cosìdetti capelli “ondulati”, le cui “onde” assumono una forma a “S” che diventa più liscia vicino alla cute.

Prima di parlare dei tagli che andrebbero bene per questo tipo di capelli, ricordiamo brevemente cosa differenzia i sottotipi 2a 2b e 2c:

1- sotto-tipo 2a

Si tratta di capelli dalla forma a “S” che si caratterizzano per la discreta lucentezza naturale. Manca però, spesso, volume e definizione.

2- sotto-tipo 2b

Anche in questo caso la forma è a “S”, con la differenza però che questi ultimi risultano leggermente più spessi in cute e più crespi sulla sommità della testa. Inoltre, se non trattati adeguatamente, con il tempo, tendono a perdere l’ondulato e la definizione facilmente.

3- sotto-tipo 2c

In quest’ultimo caso, invece, i capelli presentano onde più grosse rispetto ai capelli descritti sopra. Sarebbe quindi più adeguato identificarli non come delle semplici onde ma come particolare tipo di riccioli reali. Più resistenti allo styling rispetto agli altri, i capelli 2C  rischiano però di perdere il riccio e la definizione più facilmente di altri.

Bene, ora che abbiamo fatto un “ripasso” di cosa intendiamo per capelli mossi, passiamo ai tagli che si prestano a definire al meglio questo tipo di chioma.

LE TENDENZE 2019: MOSSO A VOLONTA’!

Dopo anni di “supremazia” nelle passerelle dei capelli lisci, nel 2019 sembra essere scoppiata la tendenza al mosso.

Addirittura, si è giunti al punto che chi non ha la fortuna di avere questo tipo di capelli naturali, punta a “crearseli” ad hoc grazie all’aiuto di mousse specifiche o bigodini.

Insomma un “boom dei capelli mossi”, che trova riscontro in molti tagli realizzati proprio per valorizzarli.

Tagli capelli mossi corti

Tra i tagli corti uno dei più gettonati è il Pixie Cut – letteralmente “taglio folletto”- che affonda le sue radici negli anni ‘50 come rivisitazione del classico Bob o Caschetto, quando Audrey Hepburn lo sfoggia per la prima volta nel film Vacanze Romane. Da quel momento in poi, questo taglio diventa un cult con un proprio stile ben definito e, soprattutto negli anni ’60, vive di luce propria grazie alla supermodella, attrice e cantante inglese Twiggy Lawson che ne fa, immediatamente, una “bandiera” del suo stile.

Nella fattispecie, il Pixie Cut presenta capelli scalati, corti dietro e ai lati della testa e più lunghi alla sommità, con frangetta o ciuffo laterale, ma non mancano le varianti. Negli anni, infatti, attrici, cantanti e modelle hanno sfoggiato diverse rivisitazioni, più o meno simmetriche e più o meno lunghe. In tutti i casi, è stato comunque un successone!

Ma, accanto al Pixie Cut anche il classico caschetto corto o bob non è assolutamente da meno e si presta a valorizzare al meglio le onde dei capelli 2a e 2b , offrendo anche qui la possibilità di essere abbinato ad una frangetta o ad un ciuffo ribelle.

Tagli capelli mossi medi:

Per tutte quelle che invece preferiscono avere un taglio di capelli mossi un po’ più lungo potranno prenotarsi per una soluzione a lunghezza media, all’altezza delle spalle.

Se adeguatamente scalato, questo tipo di taglio aiuta ad avere volumi maggiori, andando così ad intervenire su uno dei maggiori problemi delle mosse, che è proprio il volume.

In più, un taglio scalato è perfetto per dare un senso di movimento che dia armonia all’insieme del viso.

Tagli capelli mossi lunghi

Infine, per chi non vuole rinunciare ad un fascino romantico e sensuale, un’ottima scelta può essere un taglio capelli lunghi mossi. In questo caso non si interverrà sulle lunghezze ma solo sulla definizione, andando a migliorare le parti in cui c’è mancanza di volume. Il taglio lungo ha il vantaggio di prestarsi poi anche a tante acconciature, come code di cavallo, trecce, chignon, insomma tutto il necessario per apparire perfette e glamour.

Allo stesso modo, i capelli sciolti e naturali, con ampie onde o qualche boccolo qua e là che incornicia il viso, saranno davvero il top.

Queste quindi le tendenze più importanti in fatto di capelli mossi.

Concludiamo con il fornire qualche informazione su come noi di I Love Riccio amiamo trattare questo tipo di capelli:

Capelli 2a

Nei nostri saloni, per questo tipo, tendiamo ad utilizzare prodotti volumizzanti abbinati a cosmetici styling che idratino e riducano l’effetto crespo. Per il lavaggio, optiamo invece per un detergente delicato.

Capelli 2b

Nello specifico caso, invece, solitamente trattiamo questo tipo di capelli con uno shampoo a secco per assorbire rapidamente l’olio in eccesso del cuoio capelluto e sollevare le radici, al fine di facilitarne il volume

Capelli 2c

In questo caso invece, trattandosi di un tipo di capelli che, per certi versi, può definirsi, “riccio”, puntiamo a prodotti in grado di ridurre il crespo e di idratare maggiormente il cuoio capelluto, senza però mai eccedere con prodotti troppo pesanti, soprattutto se in presenza di capelli sottili.

Detto questo, speriamo di esservi stati utili con i nostri consigli! Speriamo di vedervi nei nostri saloni con i vostri capelli mossi! A presto!

 Lo Staff I Love Riccio