Cura dei Capelli Ricci: Consigli Pratici

0
384
Cura dei capelli

La cura dei capelli ricci deve essere fatta in base la tipo di capello!

Carissime Curly Girls, oggi parleremo di come prenderci cura dei capelli ricci.

Lo abbiamo detto più volte ma non ci stancheremo mai di ripeterlo…i capelli ricci non sono tutti uguali e, come abbiamo spiegato dettagliatamente in quest’articolo essi si dividono in 3 tipologie: 2, 3 e 4.

Per chi ancora non lo sapesse il tutto si potrebbe riepilogare in tal modo:

La prima categoria (2) riguarda per lo più i capelli da leggermente mossi a molto mossi, la seconda (3) da ricci a molto ricci (anche piuttosto fitti e voluminosi).

Infine la terza (4) comprende quelli che potremmo definire “capelli riccissimi”, ovvero capelli molto ricci e fitti, maggiormente tendenti al crespo come i ricci Afro

Dopo questo breve “ripasso” sulle varie tipologie di riccio, dovrebbe apparire piuttosto logico che ognuna di esse, richiede dei trattamenti ad hoc, a partire dai prodotti, fino al modo di asciugare o plasmare i ricci.

Vediamo come…

Cura dei Capelli ricci di tipo 2: attenzione all’eccessiva idratazione!

Foto 1

La tipologia 2, a causa della sua texture tendenzialmente più sottile e leggera, richiederà un determinato tipo di prodotti, per mezzo dei quali gestire la cura dei capelli al meglio e mantenere la piega, cosa assai difficile in questo preciso tipo di chioma.

Il consiglio, nella fattispecie, è di utilizzare prodotti non eccessivamente idratanti, in quanto questi potrebbero appesantire il capello in maniera esagerata, vanificando lo stesso mosso e, quindi, modificando la piega da mossa a tendente al liscio.

Questo accade perché la sottigliezza del capello non aiuta l’assorbimento degli emollienti, anzi, rischia di restare sulla chioma con uno sgradevole aspetto sporco.

Di contro, sarebbe però buona abitudine utilizzare uno shampoo volumizzante per la cura dei capelli in quanto l’altro svantaggio di questo tipo di capelli è il poco volume. Ok per lo styling, possibilmente con una mousse leggera e senza “effetto vetro”.

Cura dei Capelli ricci di tipo 3: idratazione più profonda

Foto 2

Al contrario della tipologia 2, la tipologia 3, che invece ha una porosità molto più alta, quindi una tendenza maggiore ad “assorbire” gli emollienti senza il rischio di creare l’effetto “olio” sui capelli (cosa invece molto comune nei capelli mossi) deve seguire per forza una cura dei capelli differente.

In questo caso ci viene incontro, invece, un’idratazione più profonda, che vada quindi a nutrire i capelli in maniera completa, aumentandone l’elasticità e, di conseguenza, il benessere.

Per quanto riguarda lo shampoo, il consiglio è di utilizzarne uno più nutriente a base di oli, ma comunque delicato, ancora meglio se abbinato ad una maschera idratante più ricca.

Nello specifico caso dei capelli ricci 3C, ovvero l’ultimo step prima di arrivare alla categoria 4, la maschera è bene che sia risciacquata il meno possibile (al massimo 5-10 secondi).

In questo modo la maschera idratante non perdere troppo l’idratazione, conseguenza inevitabile che accade sotto un getto di acqua consistente.

Cura dei Capelli ricci di tipo 4: super idratazione

Infine, i capelli ricci di tipo 4, in quanto per eccellenza molto crespi e porosi, richiedono, ancora più della 3, un’azione precisa di idratazione, che contempli anche specifiche maschere nutritive e prodotti anti-crespo.

Non solo, in alcuni casi, primi fra tutti i capelli afro, lo shampoo normale è addirittura sconsigliato a favore invece di un co-wash, ossia una crema lavante che, a differenza dello shampoo canonico non fa schiuma, aggredisce meno i capelli idratandoli e lavandoli insieme.

Comunque, la regola base per la cura dei capelli è questa: più i capelli ricci sono crespi e secchi, più urge idratarli a fondo, e con degli specifici prodotti.

Oltre a shampoo e maschera, l’idratazione dei capelli ricci dovrebbe proseguire anche con lo styling, prediligendo prodotti a base di oli essenziali che “imprigionino” tutta l’idratazione del capello mantenendola anche per giorni fino al prossimo lavaggio.

Concludiamo l’articolo con un ulteriore consiglio contro i capelli ricci crespi, corti, medi o lunghi che siano…

Prediligete sempre, in fase di pre-asciugatura (quindi quella preliminare al phon) una TAMPONATURA dei capelli ricci con un panno in microfibra, che è preferibile all’azione, che spesso si fa quasi “meccanicamente”, di “sfregare” i capelli.

La sfregatura, infatti, è una tecnica di pre-asciugatura da evitare in quanto aumenta il crespo e rovina i capelli.

Per oggi è tutto!

Ci vediamo alla prossima! Continuate a seguirci con i nostri consigli sulla cura dei capelli ricci!

Lo staff Taglicapelliricci.it